Franco Marzilli: "Dipinti nella materia"

Dal 22 febbraio al 15 marzo la galleria d’arte contemporanea Edarcom Europa ospiterà presso la sede di via Macedonia, 16 a Roma, una mostra personale del Maestro Franco Marzilli intitolata “Dipinti nella materia”. La mostra, composta di circa 30 opere, ben rappresenta la produzione pittorica volta alla ricerca di un effetto particolarmente materico, attraverso l’impasto poroso del colore, tipico dell’artista romano.

Carlo Fabrizio Carli, nel testo di presentazione della mostra tenuta dall’artista presso la Sala Carino Gambacorta di Teramo nel 2005, scrisse che “Ci si trova, comunque, in presenza di tele dalla denunciata matericità: sul supporto preparato a gesso, Marzilli stende la pasta cromatica, ottenuta mescolando tempera e olio, una tесnica antica che non assicura la levigata e lucida finitura dell'olio, ma piuttosto l'effetto ruvido e polveroso dell'affresco.”

E Floriano De Santi, sempre scrivendo del lavoro dell’artista, affermò che “Sembra d’intravedere tanto in Marzilli quanto in Morandi una specie di metafisica sui generis che non parte dal contenuto, e sarebbe perciò leggera e volatile come la poesia, una descrizione in superficie, ma parte dalla materia pittorica, dal suo farsi, dal suo comporsi attraverso forze nascoste. Esse danno un'illuminazione singolare alla più semplice immagine, ad un contrasto di colore, al sovrapporsi di una velatura, ad una stratificazione di un tono grigio su grigio, bianco su bianco.”

 

Benaglia firma le scene per la commedia teatrale "Lascio alle mie donne"

Il Teatro Italia di Roma ospiterà, dal 22 gennaio al 10 febbraio, "Lascio alle mie donne" di Diego Fabbri. Il testo del 1969 fu interpretato da Paolo Stoppa e Rina Morelli e, insieme a "Non è per scherzo che ti ho amato" e "Area fabbricabile", fece parte delle "Tre commedie d'amore", anche se venne presentato come il seguito ideale della commedia "Il seduttore".

La commedia è oggi ripresa da Nanni Fabbri, figlio del drammaturgo, che ne cura la regia e ne affida l'interpretazione ad un cast composto da Lello Arena, Angiola Baggi, Sebastiano Tringali, Tiziana Bagatella, Luciana Negrini ed Emanuela Trovato.

Le scenografie sono state create dall'artista Enrico Benaglia che insieme a Giorgio Ricchelli crea una scenografia allusiva ed essenziale nel quale far muovere i personaggi, suggerendo ambienti e creando un clima atemporale. 

Mostra collettiva di fine anno: per un Natale d'arte

Dal 24 novembre al 23 dicembre 2007 la galleria d’arte contemporanea Edarcom Europa, in via Macedonia, 12/16 a Roma, ospiterà la tradizionale collettiva di fine anno. Per l’occasione tutta la superficie espositiva (circa 400 mq) sarà allestita al fine di poter dare la giusta visibilità a ciascuno degli oltre trenta artisti che la galleria tratta. La mostra desidera far conoscere e apprezzare al visitatore, attraverso un’ampia rassegna di opere grafiche, dipinti e sculture il lavoro di alcuni tra i più importanti artisti contemporanei.

ARTISTI: Ugo Attardi, Enrico Benaglia, Franz Borghese, Ennio Calabria, Michele Cascella, Tommaso Cascella, Angelo Colagrossi, Roberta Correnti, Marta Czok, Giorgio De Chirico, Mario Ferrante, Salvatore Fiume, Emilio Greco, Renato Guttuso, Ivan Jakhnagiev, Franco Marzilli, Piero Mascetti, Maurizio Massi, Norberto, Sigfrido Oliva, Ernesto Piccolo, Salvatore Provino, Domenico Purificato, Cynthia Segato, Aldo Riso, Carlo Roselli, Sebastiano Sanguigni, Aligi Sassu, Marco Tamburro, Lino Tardia, Renzo Vespignani.

COIN per l'arte

Dal 2 all’11 novembre 2007 il negozio COIN di piazzale Appio a Roma ospita, per la prima volta, una mostra collettiva d’arte contemporanea. L’esposizione, curata dalla Galleria Edarcom Europa, si intitola “COIN per l’arte” e vuole essere il primo tassello di un più ampio progetto di promozione culturale teso ad avvicinare il pubblico all’arte negli insoliti e suggestivi spazi del negozio COIN di piazzale Appio.

L’intenzione è quella di offrire al visitatore la possibilità di avvicinarsi all’arte contemporanea e ai suoi differenti linguaggi espressivi attraverso un’accurata selezione di dipinti ed opere grafiche di Enrico Benaglia, Ennio Calabria, Angelo Colagrossi, Roberta Correnti, Marta Czok, Mario Ferrante, Salvatore Fiume, Renato Guttuso, Franco Marzilli, Piero Mascetti, Norberto, Sigfrido Oliva, Carlo Roselli, Lino Tardia, Renzo Vespignani.

Mario Ferrante dirige il suo "Concerto metropolitano"

Si inaugura venerdì 26 ottobre 2007 presso la galleria d’arte contemporanea Edarcom Europa, in Via Macedonia, 12/16 a Roma, una personale dell’artista Mario Ferrante intitolata “Concerto metropolitano”.

L’esposizione si compone di due itinerari tesi, da un lato a ripercorrere la ricerca pittorica degli ultimi anni, dall’altro a presentare una selezione di dipinti recenti, alcuni dei quali provenienti dalle importanti rassegne personali ospitate nel corso di quest’anno a Napoli presso il Maschio Angioino e a Roma nelle sale di Palazzo Venezia. Come ha avuto modo di sottolineare Massimo Rossi Ruben, Capitano della Guardia di Finanza – Gruppo Tutela Patrimonio Artistico ed Archeologico, in un saggio critico di introduzione al catalogo pubblicato in occasione della mostra allestita nelle sale di Palazzo Venezia nel mese di settembre 2007, “Ferrante è un artista che sembra interessarsi maggiormente alla “pittura fisica”, che non alla progettazione teorica della propria arte. In altre parole, è un artista che da sempre e con estrema coerenza, si serve della propria opera come di un linguaggio autonomo attraverso il quale narrare e far parlare di sé. La sua modernità, la sua grande attualità, consistono nell’aver saputo costruire questo linguaggio in modo originale ed estremamente personale, senza mai perdere di vista il vero senso del “quadro” – quello della sua funzione formale, di ornamento e decoro puro – e, contemporaneamente, trasponendo in esso il proprio orizzonte spirituale, lo sfondo metafisico attraverso cui si rivelano le immagini della sua concezione dell’arte”. La mostra sarà visibile fino al 18 novembre 2007.